Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, Papa Pio XII chiese di pregare per la pace, per l’unità e per la salvezza del mondo. Padre Pio mise in atto questo desiderio del pontefice chiamando attorno a sé i suoi figli spirituali e tutti i fedeli che ogni giorno accorrevano a San Giovanni Rotondo. Il suo esempio venne seguito in moltissimi paesi italiani ed europei. Si formarono vari nuclei che periodicamente si riunivano per pregare secondo le intenzioni del Padre, il quale chiese, inoltre, ai sacerdoti di assumere la guida spirituale dei gruppi in modo tale da garantirne un legame con la Chiesa.
I Gruppi di Preghiera furono organizzati seguendo un modello uniforme e  gestiti ben presto da un regolamento che li guidasse, tutelasse e istruisse, prendendo dal Padre i criteri per la loro attività.
La Casa Sollievo della Sofferenza guida ed assiste i Gruppi di Preghiera che attualmente sono presenti in tutto il mondo. Oggi sono riconosciuti grazie ad uno Statuto approvato dalla Santa Sede ed entrato in vigore il 4 maggio 1986.

LE ULTIME NEWS

Addio a Monsignor Michele Castoro

Si è spento questa notte alle 1:50 Monsignor Michele Castoro, Arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, Direttore Generale dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio e Presidente della Casa Sollievo della Sofferenza.

La sua malattia ha colpito la grande famiglia dei Gruppi di Preghiera che fin dai primi istanti gli è stata vicino con preghiere incessanti.

Lui, instancabile sacerdote fedele a San Pio da Pietrelcina, ha sostenuto sempre, fino agli ultimi istanti della sua vita, tutta la famiglia diocesana, la Casa Sollievo della Sofferenza e noi tutti, Gruppi sparsi nel Mondo. […]

. . . pregare non è fuori moda, non è tempo perso . . .

La testimonianza del Gruppo di Preghiera “Padre Pio Sacerdote” di Erba per la rivista “Credere” […]