Giovedì, 25 Aprile 2013 19:11

FAQ progetto ISBReMIT

Scritto da 
Risposte alle Richieste di Chiarimento - Fase di Prequalifica

 

“APPALTO INTEGRATO MISTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO “INSTITUTE FOR STEM-CELL BIOLOGY, REGENERATIVE MEDICINE AND INNOVATIVE THERAPIES (ISBReMIT) – CODICE IDENTIFICATIVO PONa3_00326”

 

C.I.G. 45611972D6
C.U.P. B21D11000100007



Nella presente pagina web saranno fornite le risposte alle richieste di chiarimento pervenute al R.U.P. nella fase di prequalifica dell’appalto in oggetto.

Al fine di evitare ripetizioni e di fornire ai soggetti interessati le medesime informazioni, le richieste saranno raggruppate per tematiche similari - mediante l’integrale riproduzione, in forma anonima, del testo di ogni quesito - e sarà data loro un’unica risposta, tramite pubblicazione nella presente pagina.

Ogni soggetto interessato che avrà formulato una richiesta di chiarimento al R.U.P. potrà trovare la risposta al proprio quesito secondo le seguenti modalità:

a) consultando la sezione relativa alla tematica di proprio interesse;
b) facendo riferimento al codice numerico che sarà assegnato ad ogni singola richiesta di chiarimento. Tale codice sarà assegnato, in via riservata, ad ogni singolo richiedente, attraverso le stesse modalità con cui è stata presentata la richiesta di chiarimenti (e.g. email e/o fax).

Nel caso in cui una richiesta attenga ad aree tematiche multiple, il quesito, seppur munito di un unico codice numerico, sarà riproposto nelle diverse sezioni tematiche.
In ogni sezione sarà data risposta alla tematica di relativa pertinenza.

Aree tematiche delle richieste:
- FORNITURE: ATTREZZATURE E APPARECCHIATURE
- REQUISITI QUALIFICA E CONVALIDA DELLA CELL-FACTORY
- SOPRALLUOGHI
- RICHIESTA DI PROROGA MANIFESTAZIONI DI INTERESSE
- D.P.R. N. 207/2010 - REGOLAMENTO DI ESECUZIONE ED ATTUAZIONE DEL D.LGS. N. 163/2006 RECANTE “CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIR. 2004/17/CE E 2004/18/CE”

FORNITURE: ATTREZZATURE E APPARECCHIATURE

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00001 del 01/10/2012 ore: 14:49
Q: “Con la presente, la sottoscritta impresa chiede se è possibile acquisire, in questa fase di prequalifica, tutta la documentazione tecnica di gara al fine di individuare il tipo di apparecchiature ed attrezzature da laboratorio richieste nonché al fine di chiarire i requisiti necessari per i servizi di qualifica e convalida della cell-factory. Con l'occasione si comunica il nostro interesse ad effettuare la visita dei luoghi.”

00002 del 02/10/2012 ore 11:01
Q: “In riferimento al bando per l'appalto misto di lavori, servizi e forniture per la realizzazione del progetto "Institute for Stem-cell Biology, Regenerative, Medicine and Innovative Therapies", essendo la ns azienda interessata alla fornitura di apparecchiature e attrezzature biomedicali, si chiede l'elenco delle attrezzature che saranno poste in gara per valutare se rientrano tra quelle da noi commercializzate e, di conseguenza, procedere con la manifestazione di interesse.”

00003 del 02/10/2012 ore 18:00
Q: “Con riferimento all'avviso di gara in oggetto, la scrivente impresa, nella qualità di mandataria della costituenda ATI, comunica che, escusse più aziende produttrici/fornitrici di apparecchiature ed attrezzature scientifiche, tutte hanno chiesto di conoscere, per sommi capi, le tipologie di dette apparecchiature, onde valutare: se le stesse rientrano nel novero di quelle di propria competenza; in caso positivo, se possono dimostrare i requisiti all'uopo richiesti, ovvero "aver fatturato, nel triennio precedente, l'importo non inferiore ad €800.000,00 per forniture similari”

****

R: A fini di chiarimento si specifica che l’integrale documentazione di gara (capitolato speciale di appalto e suoi allegati, disciplinare, schema di contratto, elaborati progettuali in formato editabile, etc.) sarà resa disponibile solo successivamente a detta fase di prequalifica a tutti quei soggetti che, in possesso dei requisiti richiesti, saranno invitati a partecipare.
Detta documentazione sarà fornita in formato cartaceo e/o digitale contestualmente alla lettera di invito, come da procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara (ex art. 57, comma 2, lett. c) del D.Lgs. n. 163/2006).
Tuttavia, al solo fine di permettere ai soggetti interessati di individuare la tipologia di apparecchiature e attrezzature da laboratorio e bio-medicali richieste, e di poter valutare il relativo requisito di fatturato richiesto, si allega il seguente elenco di attrezzature, così come estrapolato dal relativo capitolato prestazionale:
Elenco Apparecchiature

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00005 del 09/10/2012 ore: 11.23
Q: “Facendo seguito all’avviso in oggetto, gradiremmo sapere se, essendo produttori di apparecchiature frigo medicali, possiamo comunque partecipare come impresa singola, fornendo le sole nostre apparecchiature (…)”

****

R: L’affidamento in oggetto consiste in un “appalto integrato misto di lavori, servizi e forniture ” per la realizzazione del nuovo Centro di Ricerca di altissima specializzazione ed eccellenza scientifica in campo internazionale. Tale Centro, come specificato nell’Avviso di Gara, avrà come scopo quello di completare l’attività di ricerca, diagnosi e cura del Polo Ospedaliero San Giovanni Rotondo, attraverso lo sviluppo degli studi clinici applicativi sull’uomo, utilizzando medicinali del comparto Terapie Avanzate. A tali fini, e considerata la tempistica entro cui la stessa deve essere terminata (entro il 31/12/2014), viene richiesto che il soggetto aggiudicatario sia in grado costruire e fornire l’opera “chiavi in mano” completa, funzionale, funzionante ed autosufficiente per le destinazioni previste. Tuttavia, considerata la complessità dell’opera è prevista la partecipazione, oltre che di un concorrente singolo in grado di eseguire i lavori, i servizi e di fornire le apparecchiature di cui al predetto Avviso, anche di imprese associate tra loro nella forma di raggruppamenti temporanei (RTI), costituiti o costituendi, di consorzi, di GEIE, etc.

REQUISITI QUALIFICA E CONVALIDA DELLA CELL-FACTORY

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00001 del 01/10/2012 ore: 14:49
Q: “Con la presente, la sottoscritta impresa chiede se è possibile acquisire, in questa fase di prequalifica, tutta la documentazione tecnica di gara al fine di individuare il tipo di apparecchiature ed attrezzature da laboratorio richieste nonché al fine di chiarire i requisiti necessari per i servizi di qualifica e convalida della cell-factory. Con l'occasione si comunica il nostro interesse ad effettuare la visita dei luoghi”

****

R:I requisiti necessari per i servizi di qualifica e convalida della cell-factory sono ampiamente descritti, oltre che nell’Avviso di gara, al punto 4.c) del Modulo B. Ai fini della prequalifica, dunque, la Stazione Appaltante ritiene necessario che il concorrente sia in grado di autocertificare la sussistenza di detti requisiti nei termini richiesti dal predetto Modulo B (e.g. espletamento prestazioni professionali di supporto GMP, nei tempi e nei limiti di fatturato richiesti e loro descrizione; possesso di una adeguata capacità aziendale, in termini di risorse di personale, nei termini ivi indicati; possesso e descrizione del parco di strumentazione necessario per l’attività di prequalifica come richiesto; possesso di un’adeguata capacità di gestione del progetto nei termini ivi indicati; possesso di certificato di qualità aziendale ISO 9000 e sua dimostrazione come ivi richiesto).

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00006 del 10/10/2012 ore: 10:12
Q: “In riferimento ai requisiti per i servizi di qualifica e convalida “Cell-Factory” di cui al punto d) dell’Avviso di gara si richiede la possibilità di partecipare alla gara per imprese che abbiano realizzato nell’ambito dell’Unione Europea “Cell-Factory” autorizzate dall’Autorità preposta. Ciò anche in considerazione della natura nazionale o comunitaria preposta della gara e del fatto che la legislazione regolante i requisiti per la lavorazione delle cellule staminali e la realizzazione di Cell-Factory si riferisce a Direttive Comunitarie”.

****

R: “Il finanziamento erogato a codesta Stazione Appaltante richiede che, nel termine del 31 dicembre 2014, non solo venga costruito il Nuovo Centro di Ricerca ma anche che lo stesso entri in funzione completo in ogni sua parte e fornitura nonché munito di tutte le certificazioni necessarie all’operatività della Cell-Factory. A tal fine, si è, dunque, ritenuto opportuno richiedere, ai soggetti interessati, di comprovare la capacità di saper gestire un “progetto dimensionalmente e qualitativamente similare a quello previsto nel[l’avviso] avente per oggetto i servizi di qualifica, convalida e supporto all’accreditamento di officina farmaceutica GMP”, tramite documentazione che fornisse prova di aver supportato una struttura giunta alla certificazione AIFA come officina farmaceutica, essendo questo l’ente italiano preposto al rilascio delle predette certificazioni. Ciò premesso, qualora il soggetto interessato fosse in grado di provare il medesimo requisito tramite documentazione comprovante il supporto di una struttura giunta alla certificazione da parte dell’apposito ente comunitario preposto alla certificazione delle officine farmaceutiche - per un importo pari a quello indicato al punto d) dell’Avviso nella sezione relativa ai servizi di convalida (e.g. commessa pari ad euro 150.000,00 nel triennio antecedente alla pubblicazione dell’Avviso 2009-2011) - questa Stazione Appaltante si riserverà, in caso di invito, di valutare l’offerta alla luce di tutta la documentazione che verrà richiesta, anche successivamente, a tal fine. Ai fini che qui rilevano, tuttavia, si precisa, che in questa fase di prequalifica, viene richiesto ai soggetti interessati di formulare la propria autodichiarazione completando il Modulo B che per il punto in oggetto prevede, oltre allo sbarramento della relativa casella, solo di indicare sinteticamente l’anno, il committente, l’attività prestata e il valore della commessa, nessun altro documento dovrà essere allegato. ”

SOPRALLUOGHI

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00001 del 01/10/2012 ore: 14:49
Q: “Con la presente, la sottoscritta impresa chiede se è possibile acquisire, in questa fase di prequalifica, tutta la documentazione tecnica di gara al fine di individuare il tipo di apparecchiature ed attrezzature da laboratorio richieste nonché al fine di chiarire i requisiti necessari per i servizi di qualifica e convalida della cell-factory. Con l'occasione si comunica il nostro interesse ad effettuare la visita dei luoghi”.

****

R: In merito ai sopralluoghi, si specifica che i medesimi potranno essere effettuati solo dai soggetti che saranno invitati a partecipare e solo successivamente alla ricezione delle lettere di invito, nei tempi e nei modi previsti dalla documentazione di gara.

RICHIESTA DI PROROGA MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00004 del 05/10/2012/ ore: 16:21
Q: “Con riferimento alla gara in oggetto specificata siamo con la presente a richiedere cortesemente proroga di 1 settimana per la scadenza della presentazione delle richieste di manifestazione interesse”.

****

R: Considerati i motivi di urgenza che sono alla base dell’adozione, da parte di questa Stazione Appaltante, della procedura di urgenza prevista ex art. 57, comma 2, lett. c) del D.Lgs. n. 163/2006, ed in particolare, la notevole compressione dei tempi di realizzazione dell’opera dovuta alla scadenza del finanziamento concesso dal MIUR, fissata per il 31/12/2014, rende incompatibile, in questa fase, la concessione di una proroga per la presentazione delle manifestazioni di interesse. Si specifica, inoltre, che la documentazione richiesta in fase di prequalifica consiste solamente in una mera autocertificazione del possesso dei requisiti e/o nella presentazione di alcuni documenti afferenti a tali dichiarazioni.

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00006 del 10/10/2012 ore: 10:12
Q: “(…) ritiene necessario uno slittamento dei termini di scadenza di almeno 15 (quindici) giorni, in considerazione che la risposta attesa al quesito [inerente i servizi di qualifica e convalida “Cell-Factory”] è per la ns. società “condicio sine qua non” per la predisposizione degli atti inerenti la manifestazione di interesse prevista entro il giorno 12/10/2012 ore 12:00”

00007 del 10/10/2012 ore 11:48
Q: “Purtroppo siamo venuti a conoscenza dell’appalto con alcuni giorni di ritardo ed i termini di presentazione molto ravvicinati ci vedrebbero penalizzati ed esclusi dalla possibilità di partecipazione. Conveniamo sul fatto che la documentazione richiesta in fase di prequalifica consiste in una mera autocertificazione del possesso dei requisiti e/o nella presentazione di alcuni documenti afferenti a tali dichiarazioni, ma purtroppo, risulta per noi determinante che per poter produrre domanda è necessario individuare le Aziende costituenti l’ATI e definire il ruolo di ciascuna delle partecipanti nella gestione dell’Appalto. (…) Pertanto, onde favorire la massima partecipazione possibile, anche nell’interesse di codesta Amministrazione, chiediamo una proroga di almeno una settimana dei termini di presentazione dell’istanza in oggetto”.

****

R: “Codesta Stazione Appaltante, malgrado ciò non fosse esplicitamente richiesto dal tipo di procedura adottato (cfr. procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando di gara ex art. 57, comma 2, lett. c) D.Lgs. n. 163/2006), ha deciso, a fini di trasparenza e per dare la più ampia pubblicità possibile a tale iniziativa – così da permettere un’ampia partecipazione di concorrenti - di pubblicare l’Avviso di gara, oltre che sul proprio sito internet – in data 28 settembre 2012 - anche su: due quotidiani a tiratura nazionale (Il Sole 24 ore del 28 settembre 2012 e La Repubblica del 28 settembre 2012); due quotidiani a tiratura locale (Corriere del Mezzogiorno del 28 settembre 2012 e Gazzetta del Mezzogiorno del 28 settembre 2012) e sul sito del Ministero delle Infrastrutture www.serviziocontrattipubblici.it sempre in data 28 settembre 2012.
Purtroppo, alla luce delle considerazioni già esposte da questa Stazione Appaltante, in merito all’urgenza e alla procedura adottata, nonché alla luce della ristretta tempistica entro cui l’opera deve essere interamente completata (31 dicembre 2014, pena la perdita del finanziamento), in questa fase risulta incompatibile la concessione di una proroga della fase di prequalifica”.

Risposta alle richieste di chiarimento nn
00009 del 11/10/2012 ore 17:45
Q: "(...) non possiamo esimerci dal rammaricarci per la mancata concessione di una proroga, seppur breve. Tale proroga avrebbe messo noi e verosimilmente altri gruppi industriali, in condizione di poter partecipare mettendo a disposizione dell'Ente piú esperienze tecniche maturate anche in contesto Internazionale.(...) Intendiamo reiterare la nostra richiesta di proroga al fine di concederei l'espletamento delle normali procedure amministrative, che consentano di comporre un costituendo RTI qualificato a partecipare all'Appalto in oggetto".

****

R: Come in precedenza chiarito da questa Stazione Appaltante, la necessità di contrarre i termini per la presentazione delle manifestazioni di interesse è stata dettata dalla natura d'urgenza della procedura in oggetto, sebbene consapevoli della complessità dell'opera da realizzare. Tuttavia essendo già pervenute all'attenzione di codesta Stazione Appaltante diverse manifestazioni di interesse, per i motivi su esposti, e per la necessità di garantire la massima trasparenza e un'imprescindibile parità di trattamento tra tutti i soggetti interessati a partecipare, si ribadisce, seppur con rammarico, l'incompatibilità della concessione di una proroga

D.P.R. N. 207/2010 - REGOLAMENTO DI ESECUZIONE ED ATTUAZIONE DEL D.LGS. N. 163/2006 RECANTE “CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE DIR. 2004/17/CE E 2004/18/CE”

Risposta per le richieste di chiarimento nn:
00008 del 10/10/2012 ore: 03:12
Q: “Nell’avviso di gara in oggetto è menzionato l’art. 252 del Regolamento. Abbiamo necessità di ricevere detto Regolamento per visionare l’art. 252 oppure un riferimento dove è possibile cercarlo”.

****

R: Il Regolamento richiamato dall’Avviso di Gara è il D.P.R. del 05 ottobre 2010 n. 207, pubblicato in GU del 10 dicembre 2010 n. 288 S.O. il testo è reperibile sul web e/o su altra banca dati normativa cartacea e/o informatica. Di seguito, il testo dell’articolo richiesto:

Art. 252 - Affidamento dei servizi attinenti all'architettura e all'ingegneria
1. Al presente titolo si applicano le disposizioni di cui agli articoli 9 e 10.

2. Quando ricorre una delle situazioni previste dall'articolo 90, comma 6, del codice, le stazioni appaltanti affidano ai soggetti di cui all'articolo 90, comma 1, lettere d), e), f), f-bis), g) e h), del codice i servizi attinenti all'architettura ed all'ingegneria anche integrata, concernenti la redazione del progetto preliminare, del progetto definitivo, del progetto esecutivo e del piano di sicurezza e di coordinamento nonché le attività tecnico-amministrative connesse alla progettazione, secondo le procedure e con le modalità previste dalle disposizioni della presente parte. Sono altresì affidabili la direzione dei lavori, nel rispetto delle disposizioni di cui all'articolo 130 del codice, le attività tecnico-amministrative connesse alla direzione dei lavori, il coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione, nonché gli altri servizi tecnici, ivi compresi analisi di laboratorio, prove di carico e controlli.

3. Quando la prestazione riguarda la progettazione di lavori di particolare rilevanza sotto il profilo architettonico, ambientale, storico-artistico, conservativo, nonché tecnologico, ai sensi dell'articolo 3, comma 1, lettera l), le stazioni appaltanti riportano nel bando di gara di aver valutato, in via preliminare, l'opportunità di applicare la procedura del concorso di progettazione o quella del concorso di idee ai sensi dell'articolo 91, comma 5, del codice.

4. Ai fini della presente parte si intendono per: a) prestazioni professionali normali: le prestazioni previste dalle tariffe professionali come prestazioni tipiche in relazione alle classi e categorie di lavori da progettare;
b) prestazioni professionali speciali: le prestazioni previste dalle tariffe professionali non ricomprese in quelle considerate normali;
c) prestazioni professionali accessorie: le prestazioni professionali non previste dalle tariffe professionali.

5. Nel caso di subappalto delle attività di cui all'articolo 91, comma 3, del codice, l'affidatario della progettazione è tenuto all'osservanza di quanto previsto dall'articolo 118 del codice.

 

nuovo-css

webcamlive

  twitter   facebook   youtube