Emergenza COVID-19

L'Opera di Padre Pio con affetto vicino al Papa

Venerdì, 20 Gennaio 2006 19:10
Giovanni Paolo II è stato sempre molto vicino all’Opera di Padre Pio, fin dal primo momento del suo Pontificato.
L’aveva conosciuta quando era venuto da Cardinale a San Giovanni Rotondo, nel 1974. In quell’occasione per un piccolo infortunio occorsogli fu prontamente visitato e curato al Pronto Soccorso.
Vi tornò da Papa per il Centenario della nascita di Padre Pio, nel 1987, soggiornando nella stessa Casa Sollievo della Sofferenza, e visitando tutti i reparti ospedalieri.
Ha ricevuto in udienza, a Roma, più volte i Gruppi di Preghiera, in particolare nel 1990, per il Quarantesimo della loro nascita.
Sempre, nelle loro riunioni, i Gruppi di Preghiera hanno pregato per il Papa. Un invito a offrire preghiere per il Sommo Pontefice che risale a Padre Pio, che espressamente lo mise a base delle riunioni dei Gruppi da lui voluti.
Particolarmente in queste ore, l’Opera di Padre Pio, con i suoi Gruppi di Preghiera, è vicina al Papa, con tutto il suo affetto e la sua riconoscenza, per quanto ha avuto sempre da Lui. Ultimamente con l’assegnarle come capo l’Arcivescovo della Diocesi, Delegato per il Santuario e le Opere di San Pio da Pietrelcina, Monsignor Domenico D’Ambrosio.


Dalla Redazione della rivista «La Casa Sollievo della Sofferenza»
Giovanni Paolo II è stato sempre molto vicino all’Opera di Padre Pio, fin dal primo momento del suo Pontificato.
L’aveva conosciuta quando era venuto da Cardinale a San Giovanni Rotondo, nel 1974. In quell’occasione per un piccolo infortunio occorsogli fu prontamente visitato e curato al Pronto Soccorso.
Vi tornò da Papa per il Centenario della nascita di Padre Pio, nel 1987, soggiornando nella stessa Casa Sollievo della Sofferenza, e visitando tutti i reparti ospedalieri.
Ha ricevuto in udienza, a Roma, più volte i Gruppi di Preghiera, in particolare nel 1990, per il Quarantesimo della loro nascita.
Sempre, nelle loro riunioni, i Gruppi di Preghiera hanno pregato per il Papa. Un invito a offrire preghiere per il Sommo Pontefice che risale a Padre Pio, che espressamente lo mise a base delle riunioni dei Gruppi da lui voluti.
Particolarmente in queste ore, l’Opera di Padre Pio, con i suoi Gruppi di Preghiera, è vicina al Papa, con tutto il suo affetto e la sua riconoscenza, per quanto ha avuto sempre da Lui. Ultimamente con l’assegnarle come capo l’Arcivescovo della Diocesi, Delegato per il Santuario e le Opere di San Pio da Pietrelcina, Monsignor Domenico D’Ambrosio.


Dalla Redazione della rivista «La Casa Sollievo della Sofferenza»

nuovo-css

webcamlive

css ottobre
  twitter   facebook   youtube