Emergenza COVID-19

“Il sorriso chiama”, in arrivo la clownterapia a distanza

Lunedì, 06 Aprile 2020 14:24

I nostri dottori clown, Pasticcio e Marrangio: «un virus non ci fermerà, i sogni non si interrompono»

«I bambini ricoverati in ospedale, ora più che mai, hanno bisogno di qualche ora di spensieratezza, non possiamo lasciarli soli». A lanciare l’appello è la Fondazione Dottor Sorriso, che da 25 anni rasserena la degenza ospedaliera dei pazienti pediatrici attraverso la Terapia del Sorriso. Per assicurare la continuità delle attività anche durante l’emergenza Coronavirus, che negli ospedali sta comportando una forte limitazione delle attività non strettamente legate all’intervento medico, la Fondazione ha lanciato Il progetto “Il sorriso chiama”.

 

L’obiettivo è garantire, a distanza e in accordo con gli ospedali, il servizio di Terapia del Sorriso ai bambini che ne hanno bisogno. I genitori potranno, infatti, prenotarsi online sulla piattaforma ilsorrisochiama.dottorsorriso.it per ricevere una videochiamata dai Dottori del Sorriso, clownterapeuti professionisti della Fondazione. Basterà inserire i propri dati e il numero di telefono o l’e-mail su cui essere contattati per stabilire data e ora dell’appuntamento con il Dottore del Sorriso. È possibile prenotarsi anche chiamando il numero verde 800 58 77 07 o il numero fisso 02 93796 488 negli orari 9-13 e 14-18.

 

WhatsApp Image 2020 04 06 at 12.19.49

 

«Con il progetto “Il sorriso chiama” abbiamo voluto rispondere a un’esigenza reale e sentita da tante famiglie con bambini ricoverati in ospedale», spiega Cristina Bianchi, direttore di Fondazione Dottor Sorriso. «La Terapia del Sorriso – aggiunge – è, infatti, un valido supporto alle cure tradizionali che contribuisce a ricostruire le difese del bambino di fronte al trauma del ricovero in ospedale o della somministrazione delle terapie. Ridere ha effetti molto positivi sulla psiche dei piccoli pazienti: è scientificamente provato che porti a una riduzione della somministrazione di analgesici, dei tempi di degenza e dei tempi di miglioramento clinico, e a un aumento delle difese immunitarie e del livello delle endorfine, con conseguente innalzamento della soglia del dolore nel bambino».

 

WhatsApp Image 2020 04 06 at 12.19.50

 I due clown dottori di Casa Sollievo, da sinistra: Marrangio (Michele Fiore) e Pasticcio (Mino Danuzzo)

 

«Per salvaguardare l’incolumità dei piccoli pazienti oncologici abbiamo dovuto interrompere senza nessun preavviso le nostre visite – spiegano Pasticcio e Marrangio, i dottori Clown che operano in Casa Sollievo, principalmente in Oncoematologia Pediatrica e Pediatria Generale –, lasciando in un limbo le storie fatte di sorrisi e sogni e speranze che stavamo intessendo con i nostri bambini e le loro famiglie. Con le videochiamate torneremo a parlare di speranza e sorrisi, per allontanare, anche solo per un momento, la paura e l’ansia che i nostri bambini con le loro famiglie stanno vivendo. Un virus non ci fermerà, i sogni non si interrompono. Saremo lì, dietro il monitor dei nostri computer a suonare, danzare e celebrare la vita di un clown e di un bambino, col sorriso e con la certezza che il mondo tornerà presto ad essere colorato come l’arcobaleno».

 

nuovo-css

webcamlive

SETTEMBRE 19
  twitter   facebook   youtube