Emergenza COVID-19

Padre Marciano Morra, uomo di Cristo in un’epoca senza segnaletica

Martedì, 19 Gennaio 2021 12:30

Il ricordo di Michele Di Bari, consigliere di Amministrazione della Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza

Di Padre Marciano Morra si conosce tutto: la sua vita sacerdotale; la sua vicinanza a Padre Pio; il suo impegno di ministro provinciale dei frati minori cappuccini e di segretario generale dei Gruppi di Preghiera; il suo lungo itinerario di fede. 

 

Non sarà tuttavia agevole tratteggiare i diversi profili di questo padre cappuccino che per intero ha attraversato tutti i momenti che hanno segnato la vita, la morte, la beatificazione e la canonizzazione di San Pio.

 

Certamente non mancheranno attenti studiosi e storici competenti che si incaricheranno di rassegnare la sua monumentale esistenza alle nuove generazioni, cercando di scoprire i suoi innumerevoli e diversificati impegni che hanno scandito la sua vita. 

 

Ma oggi, nell’immediatezza della sua dipartita, che ha provocato sentimenti di diffuso cordoglio, emerge con nitidezza il ruolo di questo discreto, mite ed intelligente cappuccino che ha saputo leggere “i segni dei tempi”, fornendo nel rigore della dottrina innovativi strumenti per guardare oltre e per pianificare orizzonti lontani.

 

Un sacerdote di Cristo di ogni tempo che anche attraverso il sorriso appena accennato ed i silenzi che si scontravano con il vociare spesso assordante riusciva ad indicare la meta in un’epoca in cui scarseggia la segnaletica.

 

Mai una espressione che non fosse nel segno della conciliazione, della composizione, del primato della gioia, della fraternità e dell’amore evangelico.

 

Un metodo non urlato, ma non per questo meno efficace.

 

Nella sua sapienza e nella sua saggezza possono ritrovarsi le più alte virtù che nei momenti più bui emergono per farsi carico delle difficoltà di una comunità o di un confratello.

 

padre marciano 2Come Giobbe nei giorni della disperazione, padre Marciano si affidava completamente a Cristo crocifisso.

 

La sua è stata una incrollabile fede fiduciale che non consentiva alcun tentennamento perché in lui la certezza della presenza di Cristo nella storia soverchiava qualsiasi dubbio. 

 

Sin dall’inizio del processo diocesano per la causa di beatificazione non sono mancati atteggiamenti critici nei confronti di padre Pio che si vide nuovamente mettere a nudo tutta la sua vita: dalle stimmate fino alla sua morte.

 

Chi in quel periodo ed anche dopo la canonizzazione di padre Pio ha visto nei programmi televisivi nazionali padre Marciano restava edificato dal suo comportamento rigoroso nella verità, ma nel contempo educato e rispettoso nei confronti di chicchessia: credenti o non credenti perché ne riconosceva la dignità dell’uomo fino in fondo, riuscendo a far comprendere che padre Pio è vissuto esclusivamente nella diuturna testimonianza di Cristo.

 

Una vocazione che si è mantenuta profumata per oltre 66 anni, adempiendo con la preghiera e la carità al ministero sacerdotale in ogni latitudine. 

 

Della vita di padre Pio, padre Marciano conosceva ogni dettaglio, ma mai una parola pronunciata con enfasi o con retorica; anzi la sobrietà fino alla morte è stata la sua caratteristica.

 

Come pure le sue numerose pubblicazioni su padre Pio sono state un esempio di equilibrio e di ponderazione nella verità.

 

È stato un vero privilegio conoscerlo.

nuovo-css

webcamlive

css ottobre
  twitter   facebook   youtube