Emergenza COVID-19

Elettrofisiologia

css home

Telefono: 0882 410412
Fax 0882 835463
Tel. TSRM Elettrofisiologia-Emodinamica 0882 410749
E-Mail: aritmologia@operapadrepio.it
 Dirigente Responsabile: Dott. Domenico R. Potenza

L'Unità Operativa Semplice Dipartimentale (UOSD) "Elettrofisiologia" è ubicata al 5° piano del nuovo complesso dell'Ospedale "Casa Sollievo della Sofferenza" ed afferisce al dipartimento Cardiologico-Vascolare.

L'UOSD si occupa di aritmologia interventistica e cioè della diagnostica e terapia delle aritmie prevalentemente con tecniche e presidi endovascolari; è uno dei centri regionali a maggiore esperienza nel trattamento ablativo delle aritmie e nella terapia di elettrostimolazione cardiaca, di resincronizzazione cardiaca e di prevenzione della morte improvvisa con i defibrillatori impiantabili.


Gli operatori hanno alle spalle una grossa esperienza nel campo dell'impiantistica di device, del mappaggio elettroanatomico e dell'ablazione transcatetere. Le procedure sono eseguite, in anestesia locale, con cateteri posizionati nel cuore per via percutanea attraverso i vasi; i cateteri consentono di registrare l'attività elettrica del cuore, di effettuare la stimolazione cardiaca, di eseguire l'ablazione tramite l'applicazione di radiofrequenza.
Nel 2008 l'UOSD Elettrofisiologia è stata dotata di una nuova e più moderna sala.

Trattamenti eseguiti:

  • Impianto di pacemaker monocamerali e bicamerali
  • Impianto di AICD, AICD-CRT
  • Impianto di sistema di resincronizzazione cardiaca (CRT)
  • Impianto di loop recorder
  • Studio elettrofisiologico
  • Ablazione transcatetere delle aritmie sopraventricolari e ventricolari
  • Espianto di cateteri, pacemaker e defibrillatori infetti o disfunzionanti

La degenza dei pazienti sottoposti a procedura interventistica avviene presso l'UOC Cardiologia-UTIC attigua alle sale di Elettrofisiologia.

Approfondimenti

Terapia delle infezioni dei Pace-Maker, degli ICD e dei Cateteri mediante Laser

Terapia delle infezioni dei Pace-Maker, degli ICD e dei Cateteri mediante Laser

Una complicanza temibile delle procedure di impianto di device elettronici per il controllo del ritmo è l'infezione di tasca e/o dei cateteri. L'espianto del sistema in toto (compresi i cateteri) è l'unica terapia riconosciuta in letteratura, ma ostacolata da tenaci aderenze endovascolari che ostacolano la semplice trazione manuale. In questi casi si utilizzano tecniche attive di lisi delle aderenze che prevedono l'utilizzo di erogatori Laser (estrazione di cateteri Laser assistita).

L'UOSD Elettrofisiologia di "Casa Sollievo della Sofferenza" esegue le procedure di estrazione dei cateteri infetti mediante laser previa valutazione cardiologica ambulatoriale.

Per accedere all'"Ambulatorio Aritmie" occorre prenotare al CUP 0882416888 o chiamare l'Elettrofisiologia allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

I Medici che vogliono comunicare direttamente con il Responsabile di Elettrofisiologia per discutere sulla indicazione alla procedura interventistica ed inserire il paziente nella lista di attesa, possono chiamare tutti i giorni feriali allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

Terapia delle Tachicardie con ablazione Trans-Catetere

Terapia delle Tachicardie con ablazione Trans-Catetere

Molte della accelerazioni del cuore riconoscono una causa intrinseca e possono essere trattate, talora eradicate, con la tecnica dell'Ablazione Trans-Catetere.

Mediante cateteri-elettrodo, inseriti nel cuore per via venosa o arteriosa, è possibile indurre, mappare e trattare molte delle tachicardie che si osservano in clinica. Lo spettro di tali condizioni è molto ampio e spazia da aritmie benigne, come per esempio il rientro nodale, a condizioni potenzialmente letali come la tachicardia ventricolare. In linea di principio è possibile approcciare tutte le tachicardie con tale tecnica, ma il profilo atteso di successo varia a seconda della tachicardia. Il flutter atriale di tipo comune, le tachicardie nodali, la pre-eccitazione ventricolari, le tachicardie atriale ectopiche possono essere eradicate nella maggioranza dei casi con una o più procedure.

La tachicardia ventricolare tende a recidivare; per tale motivo e per il rischio di morte improvvisa da tachicardia ventricolare, spesso all'ablazione trans-catetere si associa l'impianto di un ICD (Implantable Cardioverter Defibrillator). La fibrillazione atriale è una delle aritmie più difficile da eradicare e si tende a trattarla con l'ablazione transcatetere solo quando è espressa in forma parossistica ed in cuori perfettamente sani.

Alcune tachicardie possono essere particolarmente difficili da mappare per la presenza di circuiti di attivazione cardiaca particolarmente complessi. L'adozione di tecniche di mappaggio elettro-antomico (tecnica Carto) aumenta la possibilità di successo della procedura di ablazione transcatetere.

La cardioversione elettrica trans-troracica (DC shock) è una pratica sicura che tratta in urgenza aritmie ventricolari maligne ed in elezione la fibrillazione atriale; non modifica però il substrato e pertanto l'aritmia può recidivare.

In caso di fibrillazione atriale molto veloce, non responder ai farmaci, già trattata molte volte con DC-shock, se responsabile di sintomi maggiori, può esserci indicazione ad una procedura nota come "Pace & Ablate" che consiste nell'ablazione elettiva della giunzione atrio-ventricoalre e l'impianto di un pace-maker.

L'UOSD Elettrofisiologia di "Casa Sollievo della Sofferenza" esegue le procedure di mappaggio e di ablazione trans-catetere previa valutazione cardiologica ambulatoriale.

Per accedere all'"Ambulatorio Aritmie" occorre prenotare al CUP 0882416888 o chiamare l'Elettrofisiologia allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

I Medici che vogliono comunicare direttamente con il Responsabile di Elettrofisiologia per discutere sulla indicazione alla procedura interventistica ed inserire il paziente nella lista di attesa, possono chiamare tutti i giorni feriali allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

Terapia dello Scompenso Cardiaco con sistema di stimolazione Biventricolare (CRT)

Terapia dello Scompenso Cardiaco con sistema di stimolazione Biventricolare (CRT)

La comparsa di turbe di conduzione come il blocco di branca sinistra (BBsin) possono aggravare una funzione ventricolare sinistra già depressa a causa di una cardiopatia. E' possibile correggere questo ritardo di conduzione migliorando la funzione contrattile con la tecnica di stimolazione biventricolare, nota anche come CRT (Cardiac Resynchronization Therapy), effettuata aggiungendo un catetere che stimola il ventricolo sinistro per via epicardica. Tale sistema è implementato, a bordo, occasionalmente di pacemaker (CRT-P) e frequentemente di ICD (CRT-D). La tecnica è complessa in quanto richiede l'incannulazione del seno coronario ed il posizionamento di un catetere in una vena di caratteristiche adeguate.


L'UOSD Elettrofisiologia di "Casa Sollievo della Sofferenza" esegue l'impianto di sistema di CRT previa valutazione cardiologica ambulatoriale. Per accedere all'"Ambulatorio Aritmie" occorre prenotare al CUP 0882416888 o chiamare l'Elettrofisiologia allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

I Medici che vogliono comunicare direttamente con il Responsabile di Elettrofisiologia per discutere sulla indicazione all'impianto del sistema di CRT ed inserire il paziente nella lista di attesa, possono chiamare tutti i giorni feriali allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

Per il controllo elettronico del sistema di CRT, che generalmente si esegue ogni 6-12 mesi dopo l'impianto, esiste un ambulatorio dedicato, con una lista di attesa gestita solo dal CUP il cui numero è 0882416888

Prevenzione della morte improvvisa con impianto di defibrillatori automatici (ICD o AICD)

Prevenzione della morte improvvisa con impianto di defibrillatori automatici (ICD o AICD)

Gran parte delle Morti Improvvise è dovuta ad aritmie ventricolari come la Fibrillazione Ventricolare, la Torsione di Punta, La Tachicardia Ventricolare. Quando queste patologie non sono dovute a cause eradicabili (p.es. la torsione di punta da ipokaliemia) vi è indicazione ad impianto di Defibrillatori Automatici detti ICD (Implantable Cardioverter Defibrillator).


L'impianto di un ICD è sostanzialmente sovrapponibile a quello di un pacemaker, fatta eccezione per le maggiori dimensioni dell'elettronica e per la tipologia del catetere ingegnerizzato per erogare terapie ad alto voltaggio. L'ICD viene impiantato, come da linee-guida correnti, anche in pazienti con severa disfunzione ventricolare sin, in prevenzione primaria.
Alcune sindromi a carattere ereditario possono esitare in arresto cardiaco da fibrillazione ventricolare: sindrome di Brugada, sindrome del QT lungo, displasia aritmogena del ventricolo destro. In questi casi lo Studio Elettrofisiologico e/o lo Studio Elettrofarmacologico possono aiutare nella diagnostica e nella stratificazione prognostica.


Tutti i defibrillatori di ultima generazione implementano a bordo un dispositivo wi-fi in grado di comunicare con un ricevitore esterno e connesso al web. Con tale sistema è possibile controllare "in remoto" da casa (appunto Home Monitoring) tutti i pazienti portatori di questi nuovi device riducendo il numero di controlli "in person" e facilitando l'identificazione di alcune complicanze (frattura di catetere, scarica precoce della batteria) e la gestione di pazienti complessi.


L'UOSD Elettrofisiologia di "Casa Sollievo della Sofferenza" esegue l'impianto di AICD previa valutazione cardiologica ambulatoriale. Per accedere all'"Ambulatorio Aritmie" occorre prenotare al CUP 0882416888 o chiamare l'Elettrofisiologia allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

I Medici che vogliono comunicare direttamente con il Responsabile di Elettrofisiologia per discutere sulla indicazione all'impianto dell'AICD ed inserire il paziente nella lista di attesa, possono chiamare tutti i giorni feriali allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

Per il controllo elettronico del defibrillatore, che generalmente si esegue ogni 6-12 mesi dopo l'impianto, esiste un ambulatorio dedicato con una lista di attesa gestita solo dal CUP il cui numero è 0882416888

Studio della sincope di origine non determinabile con Loop Recorder

Studio della sincope di origine non determinabile con Loop Recorder

La sincope è una improvvisa e transitoria perdita di coscienza, spesso causata da bradiaritmie o da tachiaritmie.
In caso di sincopi di origine non determinabile con i sistemi convenzionali (ECG di superficie, ECG sec. Holter, storia clinica, Studio Elettrofisiologico), si impiantano sottocute piccoli dispositivi elettronici, chiamati "Loop Recorder", in grado di monitorizzare e registrare l'attività elettrica del cuore per un periodo di tempo molto lungo (3 anni). Dopo il nuovo episodio sincopale, grazie a dei dispositivi elettronici in grado di interrogare il loop recorder, è possibile capire se la causa della sincope è stata una bradiaritmia, una tachiaritmia o nessuna aritmia. Grazie a questo tipo di diagnostica, è possibile indirizzare il paziente alla terapia più idonea.

L'UOSD Elettrofisiologia di "Casa Sollievo della Sofferenza" esegue l'impianto di Loop Recorder previa valutazione cardiologica ambulatoriale.

Per accedere all'"Ambulatorio Aritmie" occorre prenotare al CUP 0882416888 o chiamare l'Elettrofisiologia allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

I Medici che vogliono comunicare direttamente con il Responsabile di Elettrofisiologia per discutere sulla indicazione all'impianto del dispositivo ed inserire il paziente nella lista di attesa, possono chiamare tutti i giorni feriali allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

Terapia delle aritmie ipocinetiche con impianto di Pacemaker

Terapia delle aritmie ipocinetiche con impianto di Pacemaker

Le aritmie ipocinetiche sono turbe della formazione e della conduzione dell'impulso tali da rallentare pericolosamente il battito cardiaco.
L'impianto di Pacemaker è in grado di controllare tutte le patologie dovute a rallentamento patologico della frequenza cardiaca.
L'impianto di un pacemaker è eseguito in anestesia locale ed in regime di blanda sedazione. Attraverso un accesso venoso (chirurgico o con tecnica di Seldinger) vengono inseriti uno o più cateteri, posizionati nel cuore e successivamente connessi ad una elettronica alloggiata in una tasca sottocutanea.

L'UOSD Elettrofisiologia di "Casa Sollievo della Sofferenza" esegue l'impianto di Pacemaker previa valutazione cardiologica ambulatoriale. Per accedere all'"Ambulatorio Aritmie" occorre prenotare al CUP 0882416888 o chiamare l'Elettrofisiologia allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

I Medici che vogliono comunicare direttamente con il Responsabile di Elettrofisiologia per discutere sulla indicazione all'impianto del pacemaker ed inserire il paziente nella lista di attesa, possono chiamare tutti i giorni feriali allo 0882410412, dalle ore 13:00 alle ore 14:00.

Per il controllo elettronico del pacemaker, che generalmente si esegue ogni 6-12 mesi dopo l'impianto, esiste un ambulatorio dedicato con una lista di attesa gestita solo dal CUP il cui numero è 0882416888

nuovo-css

webcamlive