1. Informazioni Utili
  2. Reparti e Servizi
  3. Numeri utili e orari
  4. News
 
Centralino

Telefono: 0882 4101

 
Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP)
La missione dell'Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) è assicurare all'utenza dell'ospedale l'aiuto e il supporto necessario per ogni tipo di necessità e bisogno.

Il personale dell'URP è a disposizione per:
  • fornire informazione sulle prestazioni e sui servizi sanitari;
  • garantire il diritto di essere ascoltati e di ricevere una risposta;
  • ricevere osservazioni, suggerimenti e reclami, direttamente, attraverso la compilazione di moduli già predisposti, per telefono oppure on line;
  • agevolare l'accesso e l'orientamento all'interno della struttura


Sede: Ospedale - complesso monumentale, piano rialzato lato ovest
Orari mattina: dal lunedì al sabato 8,00 - 14,00
Orari pomeriggio: lunedì e giovedì 16,00 - 18,00; martedì e mercoledì 15,00 - 18,00

Telefono: 0882 410389
Fax: 0882 410046
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sportello c/o Poliambulatorio: dal lunedì al sabato 8,00 - 14,00

Telefono: 0882 416391

Scheda reclamo

 

 
Centro Unico Prenotazioni (CUP) Ambulatoriali

Informazioni sui tempi di attesa e prenotazioni di visite specialistiche ed esami diagnostici strumentali:

Centro Unico Prenotazioni (CUP) AMBULATORIALI

Telefono: 0882 416888

 

Per effettuare una richiesta di prenotazione online, clicca QUI

 
Centro Unico Prenotazione (CUP) Ricoveri

Poliambulatorio

Telefono: 0882 416606

 

Orari: dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.00

 

Informazioni sui tempi di attesa e prenotazioni ricoveri nei reparti di:

  • Chirurgia I Addominale,
  • Chirurgia II Toraco Polmonare,
  • Chirurgia Vascolare,
  • Gastroenterologia Medicina Generale,
  • Neurochirurgia,
  • Neurologia,
  • Oculistica,
  • Ortopedia e Traumatologia,
  • Otorinolaringoiatria,
  • Urologia
 
Accettazione Prestazioni Ambulatoriali

Informazioni su costi, rimborsi, esenzioni, accesso ad esami e visite specialistiche, registrazione impegnative mediche e pagamento ticket

 

Poliambulatorio "Giovanni Paolo II" - piano terra lato sud, (sportelli polifunzionali)

Telefono: 0882 416400

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 18.00, sabato dalle 7.30 alle 13.00

 

Ospedale - piano rialzato, lato ovest (sportelli polifunzionali)

Telefono: 0882 410 221-867

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 13.00, sabato dalle 7.30 alle 13.00

 

 
Ufficio Accettazione sanitaria e registrazione ricoveri

Informazioni generali e registrazione ricoveri, certificati di ricovero


Sede: Ospedale, piano terra lato ovest
Orari: lunedì-venerdì dalle 8.00 alle 20.00, sabato dalle 8.00 alle 14.00
Telefono: 0882 410 317-219

 
Ufficio comunicazione

Telefono: 0882 835521

Fax: 0881 350065

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
Servizio di Portineria

Accedere alle strutture dell’Ospedale e del Poliambulatorio “Giovanni Paolo II”, raggiungere i punti di erogazione dei servizi

Telefono Ospedale: 0882 410321
 
Telefono  Poliambulatorio: 0882 416389

 
Pronto Soccorso

Telefono: 0882 41088

Orari: tutti i giorni 24 ore su 24

Ematologia

css home

Telefono: 0882 410295
Fax: 0882 410258
E-Mail:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dirigente Medico Responsabile: Dott. Nicola Cascavilla

Inserito nel Dipartimento di Onco-Ematologia, il Reparto di Ematologia, istituito il 29 aprile 1978 e diretto dal 2005 dal Dr. Nicola Cascavilla, gode di una forte capacità di attrazione dalle altre province pugliesi, dalle regioni limitrofe e dai paesi dell'Europa orientale. La politica di sviluppo del reparto ha come obiettivo strategico l'ulteriore implemento della capacità di attrazione attraverso il miglioramento della qualità complessiva dell'offerta e la diversificazione della capacità di risposta a tutte le richieste di assistenza ematologica. I programmi clinici sono orientati al trapianto, all'impiego delle cellule staminali, alla terapia cellulare, all'utilizzo di farmaci innovativi ed alle terapie biologiche. Nel mese di settembre 2012 è stato raggiunto la ragguardevole cifra di mille trapianti: questo traguardo pone il reparto ai vertici nazionali in questo settore di eccellenza e comprova la ormai solida esperienza acquisita in questi anni. Tutti i percorsi diagnostico-terapeutici specifici per patologia, inclusi i trapianti di cellule staminali, ottemperano criteri di qualità certificati ed accreditati e linee guida standardizzate. Per la maggior parte delle malattie del sangue vengono seguiti protocolli inseriti in trials sperimentali biologici e clinici dei maggiori gruppi cooperativi italiani ed internazionali (GIMEMA, GITMO, EBMT, FIL, EORTC).
Il Reparto è inserito nella Rete Ematologica Pugliese (REP) riconosciuta dalla Regione Puglia con delibera n. 912 del 25 marzo 2010.
Dal 2003 è riconosciuto come Centro di riferimento per il trapianto da donatore volontario (trapianto MUD) dal GITMO (Gruppo Italiano Trapianto di Midollo Osseo), dall'IBMDR (Italian Bone Marrow Donor Registry) e dall'EBMT (European Bone Marrow Transplantation).

Il Reparto di Ematologia ha come compito istituzionale l'assistenza ed il trattamento di pazienti di età superiore a sedici anni affetti da malattie del sangue.
L'attività clinica è svolta in regime di ricovero ordinario, day hospital, ambulatorio ed assistenza domiciliare mediante l'utilizzo di percorsi umanizzati, metodiche multidisciplinari ed approcci innovativi volti alla guarigione ovvero al controllo della malattia del sangue e dei suoi sintomi ed a migliorare la qualità di vita dei pazienti.
La competenza, l'aggiornamento e l'attenzione di tutto il personale nei riguardi dei pazienti sono altissimi ed assolutamente in linea con le intenzioni di San Pio da Pietrelcina, Fondatore dell'Ospedale.

Ultima modifica Mercoledì, 15 Maggio 2013 11:53

Protocolli di Terapia

Trapianto di cellule staminali

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nel trapianto di cellule staminali sono:

  1. 8/2006/U
    ATG Fresenius per la profilassi della GVHD cronica dopo trapianto di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico da donatore familiare HLA identico per pazienti affetti da LAM o LAL
  2. BCNHL
    Trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche con condizionamento a ridotta intensità contenente Rituximanb ad alta dose per la terapia di salvataggio dei linfomi non Hodgkin a cellule B ricaduti o refrattari
  3. GITMO-MDS-01-2007
    Valutazione dell'impatto prognostico della classificazione WHO e dello score WPSS nei pz affetti da sindrome mielodisplastica sottoposti a trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche.
  4. GITMO AML R.2
    Confronto randomizzato tra regimi di condizionamento al trapianto di cellule staminali ematopoietiche allogeniche contenenti rispettivamente Busulfano iniettabile con Fludarabina vs Busulfano iniettabile con Ciclofosfamide nei pazienti di età compresa fra 40 e 55 anni affetti da Leucemia Mieloide Acuta in remissione completa
  5. THIOTEPA PROT.122
    Studio di dose finding relativo a Thiotepa nel regime di condizionamento per trapianto allogenico in pazienti adulti con neoplasie ematologiche ad alto rischio
  6. UDUCBT2008
    Trapianto di cordone ombelicale in pazienti con neoplasie ematologiche dopo condizionamento cpon Thiotepa, Busulfano e.v., Fludarabina e Timoglobulina.
  7. GITMO
    MF-2010 Studio prospettico, di fase II randomizzato, di confronto tra condizionamento a ridotta intensità con busulfano-fludarabina e condizionamento con thiotepa-fludarabina nel trapianto allogenico della mielofibrosi.
  8. GITMO
    Protocollo Nilotinib-cGVHD Studio prospettico, fase I/II, non-randomizzato, in aperto, multicentrico per determinare la sicurezza e l'efficacia del Nilotinib nella popolazione con cGVHD steroide-refrattaria o steroide-dipendente
  9. BMT-AZA-1-07-07-2010
    Studio Multicentrico, di fase II, in aperto, non randomizzato in pazienti con Sindrome Mielodisplastica a rischio Intermedio-2 e Alto secondo l'IPSS, per valutare la fattibilità del trattamento di induzione con Azacitidina seguito da trapianto allogenico di cellule staminali oppure prosecuzione del trattamento con Azacitidina per coloro che non dispongono di un donatore di cellule staminali familiare o non correlato.
  10. ASTIC
    Trapianto autologo di cellule staminali nella Malattia di Crohn (ASTIC). Studio multicentrico, prospettico, randomizzato di Fase III condotto dalla Società Europea del Crohn e della Colite Ulcerosa (ECCO), sponsorizzato dal gruppo Europeo del Trapianto di Midollo
  11. Eudract 2010-024446-30
    Studio di fase II, prospettico, multicentrico per valutare l'efficacia e la sicurezza di chemioetrapia, Mozobil e G-CSF come terapia mobilizzante per doppio trapianto autologo in pazienti affetti da Linfoma Non Hodgkin diffuso a grandi cellule B recidivato o refrattario, PET positivo dopo 3 cicli R-DHAP.
Linfomi non Hodgkin

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nei Linfomi non Hodgkin sono:

  1. INFL08 Studio di fase II con Lenalidomide in combinazione con Rituximab per il trattamento dei Linfomi non Hodgkin indolenti non follicolari
  2. CRAD001 Studio multicentrico di fase III, randomizzato, doppio braccio, di terapia adiuvante RADOO1 in pazienti ad alto rischio con Linfoma B diffuso a grandi cellule vs placebo dopo il raggiungiomento della remissione completa con prima linea contenente Rituximab in chemioterapia.
  3. Pro-DLBCL Studio sulla prognosi dei linfomi aggressivi a cellule B trattati con combinazioni contenenti Rituximab+antraciclina
  4. MCL0208 Studio multicentrico di fase III randomizzato tra mantenimento con Lenalidomide vs Osservazione dopo un regime di induzione intensificato con Rituximab seguito da chemioterapia ad alte dosi e trapianto autologo di cellule staminali come prima linea di trattamento in pazienti adulti con linfoma avanzato della cellule del mantello
  5. IELSG32 Studio clinico randomizzato di fase II con chemioterapia primaria con methotrexate ad alte dosi associato a citarabina ad alte dosi, oppure con methotrexate ad alte dosi associato a citarabina ad alte dosi e a thiotepa, seguita da radioterapia panencefalica oppure dall'associazione di radioterapia panencefalica e chemioterapia con BCNU ad alte dosi e Thiotepa ad alte dosi seguita da salvataggio con autotrapianto di cellule staminali periferiche, in pazienti immunocompetenti con linfoma primitivo del sistema nervoso centrale
  6. OMB110918 Studio randomizzato, in aperto sulla terapia di combinazione con Ofatumumab e Bendamustina verso Bendamustina in monoterapia nel linfoma non Hodgkin a cellule B indolente che non ha risposto a Rituximab o ad un regime contenente Rituximab durante o entro sei mesi dal trattamento
  7. SCNL1 Chemioterapia sequenziale ad alte dosi associato a Rituximab in pazienti affetti da Linfoma non Hodgkin diffuso a grandi cellule a fenotipo B sistemico con interessamento del sistema nervoso centrale alla diagnosi o alla recidiva.
  8. INT5909 Studio multicentrico di fase I-II per il trattamento di prima linea in pazienti anziani affetti da linfoma non hodgkin a cellule mantellari con desametazone, ofatumumab e bendamustina
  9. BO22334 Studio di fase III a due stadi, internazionale, multicentrico, randomizzato, controllato, in aperto, volto ad analizzare la farmacocinetica, l'efficacia e la sicurezza di rituximab SC in associazione con CHOP o CVP rispetto a rituximab EV in associazione con CHOP o CVP in pazienti affetti da linfoma follicolare non trattato in precedenza, seguito da terapia di mantenimento con rituximab SC o rituximab EV
  10. RE-FOLL Valutazione dell'outcome della terapia di seconda linea nei pazienti con linfoma follicolare recidivato in relazione al tipo di trattamento di prima linea ricevuto.
  11. FIL_PanAL10 Studio fase II di impiego del Panobinostat in pazienti adulti con linfoma B diffuso a grandi cellule ricaduto/refrattario dopo un programma di terapia ad alte dosi ed autotrapianto di cellule staminali (ASCT) o in pazienti adulti non eleggibili per ASCT
  12. BO21005 Studio di fase III, multicentrico,in aperto, randomizzato per confrontare l'efficacia di GA101 in combinazione a CHOP, rispetto a Rituximab e CHOP , in pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B CD20-positivi non trattati in precedenza
  13. PET FOLL Studio Osservazionale Retrospettivo
    Ruolo prognostico della PET in pazienti con Linfoma Follicolare trattati nello studio FOLL05.
  14. FIL_R-BENDA FRAIL Rituximab in combinazione con Bendamustine nel trattamento di prima linea di pazienti anziani (> 70 anni) fragile affetti da linfoma diffuse a grandi cellule B: studio di fase II della Fondazione Italiana Linfomi (FIL)
  15. CD-ON-MEDI-551-1088 Studio in aperto randomizzato di fase 2 su MEDI-551 in adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario
  16. BI1301.2 Sperimentazione randomizzata, in doppio cieco, multicentrica, multinazionale di fase III per confrontare l'efficacia e la sicurezza di BI 695500 più chemioterapia, rispetto a rituximab più chemioterapia, in pazienti con linfoma follicolare non-Hodgkin non trattato.
  17. CD-ON-MEDI-551-1019 Studio di fase 2 su MEDi_551 e bendamustina rispetto a rituximab e bendamustina in adulti con LLC recidivante o refrattaria.
  18. T-CELL Project Raccolta dati prospettica in pazienti con linfoma T periferico
Linfoma di Hodgkin

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nei linfomi di Hodgkin sono:

  1. IIL-HD0802 Consolidamento PET-based e donor-based dopo terapia di salvataggio nei pazienti con Linfoma di Hodgkin in recidiva o refrattario
  2. IIIL-HD0803 Studio multicentrico di fase II con MBVD in pazienti anziani e/o cardiopatici affetti da linfoma di Hodgkin
  3. IIL-ProHLRec Studio osservazionale retrospettivo multicentrico sulla determinazione di fattori prognostici in pazienti affetti da HL variante classica recidivati/refrattari sottoposti a terapia di induzione con IGEV
Mielodisplasie

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nelle Mielodisplasie sono:

  1. EQol MDS "Eltrombopag fper il tratamento della trombocitopenia causata da sindrome mielodisplastica a rischio basso ed intermedio-1
  2. 20090160 Studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo sull'utilizzo di darbepoetina alfa per il trattamento di pazienti anemici con sindrome mielodisplastica a basso rischio o a rischio intermedio-1

CICL670A2302

Studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, di deferasirox vs placebo in pazienti con sindrome mielodisplastica a rischio basso ed intermedio-1 e trasfusione dipendente

EQol MDS

“Eltrombopag fper il tratamento della trombocitopenia causata da sindrome mielodisplastica a rischio basso ed intermedio-1

20090160

Studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo sull'utilizzo di darbepoetina alfa per il trattamento di pazienti anemici con sindrome mielodisplastica a basso rischio o a rischio intermedio-1

Mieloma Multiplo

Gli studi di ricerca e sperimentale attivi nel Mieloma Multiplo sono:

  1. CROB0108/1 RV-PCL-PI-350
    Studio Pilota di Lenalidomide in Associazione a Desametasone in prima linea in Pazienti con Leucemia Plasmacellulare Primitiva
  2. C16006
    Studio di fase 1/2 in aperto, con aumento della dose, condotto sulla formulazione orale di MLN9708, un inibitore del proteasoma di prossima generazione, somministrato in associazione con un trattamento standard a base di melfalan e prednisone in pazienti con mieloma multiplo appena diagnosticato che necessita di trattamento sistemico.
  3. CC-5013-PASS-001
    Studio osservazionale, non-interventistico, post-autorizzazione per la valutazione della sicurezza in soggetti sottoposti a trattamento con Lenalidomide
  4. EMN02_HO95-3-27-05-2010
    Studio di fase III, randomizzato, per confrontare Bortezomib, Melfalan, Prednisone con Melfalan ad alte dosi dosi seguito da Bortezomib, Lenalidomide, Desametasone come consolidamento e Lenalidomide in mantenimento in pazienti con nuova diagnosi di Mieloma Multiplo
  5. CA204006
    Studio di fase III, randomizzato, in aperto su Lenalidomide/Desametasone con o senza Elotuzumab in soggetti con Mielosa Multiplo non trattati in precedenza
  6. Proposta di impiego del Plerixafor in modalità "On Demand" dopo Endoxan e DHAP in pazienti affetti da Mieloma Multiplo e Linfoma
  7. RV-WM-PI-0548
    Studio per determinare l'efficacia e la sicurezza di Lenalidomide in associazione a base dosi di Desametasone seguito do Rituximab, autotrapianto e mantenimento con Lenalidomide in pazienti di nuova diagnosi con Macroglobulinemia di Waldenstrom
Sindromi Mieloproliferative Croniche

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nelle Sindromi Mieloproliferative Croniche sono:

  1. GIMEMA CML0609
    Studio ossevazionale in pazienti adulti con Leucemia mieloide Cronica resistente o intollerante ad imatinib trattati con Nilotinib.
  2. GIMEMA CML0912
    Nilotinib in prima linea nel trattamento della Leucemia Mieloide Cronica BCR-ABL+ in fase cronica. Studio osservazionale multicentrico.
  3. CINC424A2401
    Studio in aperto, multicentrico, di accesso allargato in pazienti con mielofibrosi primaria o mielofibrosi post-policitemia vera o mielofibrosi posttrombocitemia essenziale (
  4. SPD422-401
    Studio non-interventistico, post-registrativo, per monitorare in modo continuo la sicurezza del farmaco e l'esito di eventuali gravidanze in un gruppo di pz affetti da Trombocitemia Essenziale ad alto rischio esposti a Xagrid rispetto a pz esposti ad altri trattamenti citoriduttivi
  5. SPD422-703
    Studio esplorativo, osservazionale, multicentrico diretto a valutare l'impatto della presenza della mutazione di JAK2 (V617F) sulla risposta al trattamento in pazienti con trombocitemia essenziale trattati con XAGRID® (anagrelide cloridrato).
Leucemia Acuta Mieloide e Linfoide

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nella Leucemia Acuta Mieloide e Linfoide sono:

  1. GIMEMA-DSIL APL 0406 Studio randomizzato di fase III per confrontare il triossido di 'Arsenico in combinazione con ATRA vs la chemioterapia standard e ATRA nel trattamento della leucemia promielocitica acuta, di nuova diagnosi in pazienti non ad alto rischio
  2. LAL1308 Terapia della leucemia linfoide acuta del giovane adulto: intensificazione del trattamento secondo il protocollo pediatrico AIEOPLLA-2000.
  3. GIMEMA LAL 1104 Terapia "Geriatric assesment adapted" per il trattamento della leucemia acuta linfoblastica Ph negativa dell'anziano
  4. QoLESS AZA-AMLE Studio clinico randomizzato per valutare l'efficacia della 5-Aza Citidina in corso di terapia post remissione in pazienti anziani affetti da luecemia mieloide acuta
  5. GIMEMA LAL1509 Studio multicentrico per una strategia terapeutica completa in pazienti adulti affetti da Leucemia Acuta Linfoblastica (LALA) Philadelphia positiva (Ph+) all'esordio.
  6. AML1310 Terapia adattata al rischio genetico/citogenetico e basata sulla determinazione della malattia minima residua per pazienti giovani (<60anni) affetti da leucemia acuta mieloide di nuova diagnosi
  7. SEIFEM 2012/B Registro multicentrico prospettico non interventistico per il monitoraggio dell'incidenza e del comportamento diagnostico e terapeutico nella gestione delle infezioni in pazienti affetti da leucemia linfatica Acuta
  8. AS/PALO/002 Studio di fase II randomizzato di dosi multiple di palonosetron in associazione con aprepitant verso dosi multiple di palonosetron da solo nel prevenire la nausea ed il vomito da chemioterapia in pazienti con leucemia mieloide acuta o con sindrome mielodisplasica ad alto rischio trattati con chemioterapia a giorni multipli
  9. AML1411 Studio prospettico sulle infezioni gravi in pazienti giovani inclusi in uno studio multicentrico sulla terapia della leucemia mieloide acuta all'esordio basata sulla determinazione della malattia minima residua
  10. APL0511 Studio osservazionale sul numero e l'esito delle gravidanze in pazienti di sesso femminile in età fertile trattate con chemioterapia per Leucemia acuta promielocitica
  11. QoL-APL0511 Valutazione della qualità di vita, a lungo termine, in pazienti affetti da leucemia mieloide promielocitica trattati secondo gli schemi chemioterapici previsti dagli studi clinici GIMEMA AIDA 0493 and AIDA 2000
Infezioni

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nelle Infezioni sono:

  1. EP-502 (Zarzio) Valutazione multi livello della profilassi della neutropenia febbrile indotta da chemioterapia, risultati e fattori determinanti che stimolano le colonie granulocitarie.
  2. PRE-EMPTIVE- AIFA-FARM07YPBW Studio prospettico, aperto, randomizzato, multicentrico di confronto tra 2 approcci terapeutici al trattamento delle infezioni fungine invasive nel paziente oncoematologico neutropenico: trattamento empirico vs approccio presuntivo
  3. SEIFEM 2012-A Impatto di infezioni invasive da muffe, in pazienti con leucemia mieloide acuta alla diagnosi, sull'outcome della patologia di base.
  4. SEIFEM 2012 –B Registro multicentrico prospettico non interventistico per il monitoraggio dell'incidenza e del comportamento diagnostico e terapeutico nella gestione delle infezioni in pazienti affetti da leucemia linfatica acuta
  5. AISF / CHEMET Studio multicentrico osservazionale sull'infezione da virus B nei pz con neoplasie solide o ematologiche sottoposti a chemioterapia: prevalenza dell'infezione, rischio della riattivazione.
Trombocitopenia Immune

Gli studi di ricerca clinica e sperimentale attivi nella Trombocitopenia Immune sono:

  1. GIMEMA ITP0207 Studio randomizzato per il trattamento della Porpora Trombocitopenica autoimmune (PTI) primitiva in pazienti adulti di nuova diagnosi non precedentemente trattati. Dosi standard di Prednisone vs alte dosi di Dexamethasone
  2. ITP0311 Valutazione retrospettiva della frequenza e fattori di rischio degli eventi trombotici nei pazienti affetti da trombocitopenia immune primitiva.
  3. QoL-ITP0411 Qualità della vita e sensazione di fatica correlati allo stato di salute in Pazienti adulti affetti da piastrinopenia idiopatica autoimmune

Personale Medico

nuovo-css