5xmille 2019

Il fondatore, la sua vita in breve

Index

L'educazione religiosa

 

La famiglia Forgione era molto religiosa, come del resto un po' tutto il paese, in cui si osservavano scrupolosamente le ricorrenze liturgiche, particolarmente il Natale, con consuetudini e tradizioni simpatiche. Si onoravano anche i santi, con feste pubbli- che, tra cui, la prima domenica di agosto, la Madonna della Libera, patrona di Pietrelcina.

Il piccolo Francesco si trovò così inserito con naturalezza in un ambiente schiettamen- te religioso. Dei vicini di casa ricordavano come, da piccolo, quando sentiva suonare la campana per la funzione, premeva sulla nonna perché lo portasse in chiesa. Continuò poi a frequentarla regolarmente, per il catechismo, cui seguì la prima comunione e la cresima, facendo anche il chierichetto. Si distingueva tra gli altri bambini per questo suo trasporto per le cose religiose.

Se sentiva bestemmiare o pronunziare parolacce, soffriva visibilmente ed era come ter- rorizzato. E in campagna, giocando con altri pastorelli della sua età, tra cui il cugino e vicino di masseria Mercurio Scocca, «voleva sempre fare processioni» con dei pupazzetti che modellavano con la terra.


Ultima modifica Venerdì, 07 Novembre 2014 09:55

nuovo-css

webcamlive

  twitter   facebook   youtube