Renal Ageing - 1° Gargano Seminar on Nephrology

Giovedì, 22 Aprile 2010 02:00

1° Gargano Seminar on Nephrology
San Giovanni Rotondo 22-23 aprile 2010

La popolazione mondiale ha subito cambiamenti enormi nel suo assetto epidemiologico da quando fu coniato, nel lontano 1909, il termine Geriatria. Mentre nel 1900 l’aspettativa di vita era inferiore ai 50 anni, essa saliva rapidamente oltre i 65 anni all’inizio del 21 secolo, ma diventava spettacolare se consideriamo solo i paesi sviluppati, ove raggiunge ormai la soglia degli 80 anni.

La prevalenza della malattia renale cronica nei pazienti anziani è alta ed è anch’essa andata via via aumentando. I dati del NHANES mostrano come il 74% dei maschi e il 67% delle femmine con età superiore ai 65 anni sia affetto da patologie quali artrite, diabete, coronaropatie, broncopatie croniche. Alla stessa maniera si è comportata la malattia renale cronica, presente nel 40% dei casi nei oggetti con più di 70 anni: difatti essa rappresenta un fattore indipendente di morbilità e4 mortalità cardiovascolare. Tuttavia, gli anziani non sono tutti eguali. Mentre alcuni processi della senescenza sono comuni nella gran parte degli individui, la velocità di questi fenomeni può essere molto diversa da soggetto a soggetto ed è influenzata grandemente da coesistenti condizioni comorbide. La malattia renale cronica o acuta e la fase terminale dell’uremia aggravano in maniera determinante questi processi e continuano a mostrare un incremento nella popolazione anziana, soprattutto se coesistono diabete e ipertensione e/o obesità. I medici che affrontano la patologia renale nei soggetti geriatrici dovrebbero essere ben consci di quali fenomeni si verifichino in questi pazienti soprattutto relativamente alle modificazioni dei parametri vitali, cosa che può far cambiare l’approccio terapeutico e prognostico in molti casi.

Il presente convegno si prefigge quindi di illustrare la relazione tra età e fisiopatologia renale, i trend epidemiologici in atto sull’invecchiamento della popolazione e sulla prevalenza della malattia renale cronica, le implicazioni cliniche che ne derivano per un governo clinico unitario e condiviso di questa patologia emergente.

Brochure



1° Gargano Seminar on Nephrology
San Giovanni Rotondo 22-23 aprile 2010

La popolazione mondiale ha subito cambiamenti enormi nel suo assetto epidemiologico da quando fu coniato, nel lontano 1909, il termine Geriatria. Mentre nel 1900 l’aspettativa di vita era inferiore ai 50 anni, essa saliva rapidamente oltre i 65 anni all’inizio del 21 secolo, ma diventava spettacolare se consideriamo solo i paesi sviluppati, ove raggiunge ormai la soglia degli 80 anni.

La prevalenza della malattia renale cronica nei pazienti anziani è alta ed è anch’essa andata via via aumentando. I dati del NHANES mostrano come il 74% dei maschi e il 67% delle femmine con età superiore ai 65 anni sia affetto da patologie quali artrite, diabete, coronaropatie, broncopatie croniche. Alla stessa maniera si è comportata la malattia renale cronica, presente nel 40% dei casi nei oggetti con più di 70 anni: difatti essa rappresenta un fattore indipendente di morbilità e4 mortalità cardiovascolare. Tuttavia, gli anziani non sono tutti eguali. Mentre alcuni processi della senescenza sono comuni nella gran parte degli individui, la velocità di questi fenomeni può essere molto diversa da soggetto a soggetto ed è influenzata grandemente da coesistenti condizioni comorbide. La malattia renale cronica o acuta e la fase terminale dell’uremia aggravano in maniera determinante questi processi e continuano a mostrare un incremento nella popolazione anziana, soprattutto se coesistono diabete e ipertensione e/o obesità. I medici che affrontano la patologia renale nei soggetti geriatrici dovrebbero essere ben consci di quali fenomeni si verifichino in questi pazienti soprattutto relativamente alle modificazioni dei parametri vitali, cosa che può far cambiare l’approccio terapeutico e prognostico in molti casi.

Il presente convegno si prefigge quindi di illustrare la relazione tra età e fisiopatologia renale, i trend epidemiologici in atto sull’invecchiamento della popolazione e sulla prevalenza della malattia renale cronica, le implicazioni cliniche che ne derivano per un governo clinico unitario e condiviso di questa patologia emergente.

Brochure


nuovo-css