Primo corso teorico pratico per gli Operatori dei Servizi per la Coppia

Mercoledì, 27 Aprile 2005 13:52


In particolare il corso intende sensibilizzare gli operatori delle strutture ospedaliere e dei servizi territoriali alla coppia alla conoscenza dei metodi di regolazione naturale della fertilità.

E’ noto che oggi le coppie non hanno una visione completa dei metodi naturali e dello sviluppo scientifico che hanno raggiunto nel perfezionamento della loro applicazione per la conoscenza dei periodi fertili e non fertili del ciclo femminile.

La responsabilità della coppia in ordine alla trasmissione della vita si estende anche alla scelta consapevole e responsabile di modalità che siano rispondenti alla natura umana.

Per questo motivo, la conoscenza dei metodi naturali, come il Metodo Billings e i metodi sintotermici, consentono di individuare le fasi fertili e non fertili del ciclo femminile mediante la rilevazione di indicatori di fertilità collegati all’andamento degli ormoni ovarici ; tali informazioni possono essere utilizzate come conoscenza di sé in un percorso di educazione all’amore delle coppie per ricercare, distanziare o evitare la gravidanza nel rispetto della persona e della sua salute riproduttiva.

L’obiettivo del corso è, dunque, quello di sensibilizzare gli operatori a prendere coscienza della responsabilità che viene loro affidata come consulenti nella diffusione e nella corretta informazione della regolazione naturale della fertilità, nel rispetto della persona da parte dei servizi di aiuto alla famiglia.

Non si tratta di contrapporre la cosiddetta “contraccezione cristiana“ alla “contraccezione laica “, quanto di aiutare la coppia a saper regolare insieme la propria fertilità, che rimane una responsabilità comune dei coniugi e non solo della donna.

Dal momento che la proposta formativa ha trovato un ampio riscontro, è stato accreditato una seconda edizione dell’evento che avrà luogo dal 6 ottobre al 3 novembre 2005.

Scarica la brochure del corso


In particolare il corso intende sensibilizzare gli operatori delle strutture ospedaliere e dei servizi territoriali alla coppia alla conoscenza dei metodi di regolazione naturale della fertilità.

E’ noto che oggi le coppie non hanno una visione completa dei metodi naturali e dello sviluppo scientifico che hanno raggiunto nel perfezionamento della loro applicazione per la conoscenza dei periodi fertili e non fertili del ciclo femminile.

La responsabilità della coppia in ordine alla trasmissione della vita si estende anche alla scelta consapevole e responsabile di modalità che siano rispondenti alla natura umana.

Per questo motivo, la conoscenza dei metodi naturali, come il Metodo Billings e i metodi sintotermici, consentono di individuare le fasi fertili e non fertili del ciclo femminile mediante la rilevazione di indicatori di fertilità collegati all’andamento degli ormoni ovarici ; tali informazioni possono essere utilizzate come conoscenza di sé in un percorso di educazione all’amore delle coppie per ricercare, distanziare o evitare la gravidanza nel rispetto della persona e della sua salute riproduttiva.

L’obiettivo del corso è, dunque, quello di sensibilizzare gli operatori a prendere coscienza della responsabilità che viene loro affidata come consulenti nella diffusione e nella corretta informazione della regolazione naturale della fertilità, nel rispetto della persona da parte dei servizi di aiuto alla famiglia.

Non si tratta di contrapporre la cosiddetta “contraccezione cristiana“ alla “contraccezione laica “, quanto di aiutare la coppia a saper regolare insieme la propria fertilità, che rimane una responsabilità comune dei coniugi e non solo della donna.

Dal momento che la proposta formativa ha trovato un ampio riscontro, è stato accreditato una seconda edizione dell’evento che avrà luogo dal 6 ottobre al 3 novembre 2005.

Scarica la brochure del corso

nuovo-css