Il futuro dei piccoli audiolesi di Capitanata

Martedì, 13 Settembre 2005 13:52

Presso la Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria della Casa Sollievo della Sofferenza, diretta dal dottor Lucio Vigliaroli, e’ possibile diagnosticare e curare tutti i tipi di sordità ed i disturbi correlati, quali vertigini ed acufeni.
In particolare, nell’ultimo quinquennio e’ stata sviluppata con ottimi risultati la cura delle sordità profonde del bambino e dell’adulto sia con i nuovi mezzi protesici digitali che con l’applicazione chirurgica dell’orecchio bionico, l’impianto cocleare.

Inoltre sono nate una serie di iniziative volte alla tutela dei piccoli pazienti, consistenti in un lavoro di screening di tutti i neonati ai fini di verificarne l’udito già dal primo giorno di vita e nel seguire quelli potenzialmente a rischio di sviluppare uno stato di sordità e relativo sordomutismo.
In questo momento c’e’ l’impegno da parte del team otorinolaringoiatrico a diffondere la stessa politica preventiva sui centri ospedalieri della provincia di Capitanata e del Centro Sud Italia.

L’attività di assistenza sociale ha portato a creare una sezione provinciale della FIADDA (Famiglie Italiane Associate per i diritti degli Audiolesi), una Onlus che ha lo scopo di assistere socialmente e culturalmente i piccoli pazienti e le loro famiglie, nonché di organizzare a livello nazionale e con cadenza annuale attività ludico rieducative gli audiolesi.
Tutto questo lavoro è spesso coadiuvato da altre organizzazioni sociali ed umanitarie, come il Rotary Club, l’Associazione Donne Medico e l’Associazione Italiana Mogli dei Medici, o da singoli offerenti.

Da segnalare l’iniziativa di tre benefattori, che si sono resi disponibili a far completare il progetto di diagnosi e cura della sordità infantile, sponsorizzando alcuni acquisti necessari per la crescita del Servizio di Audiologia della Casa Sollievo della Sofferenza. In particolare, si tratta di nuove apparecchiature che permetteranno di studiare la sordità infantile a tutte le età in un modo più moderno e sicuro, presupposto per poterlo rimettere in carreggiata come bambino normale già nel primo anno di vita.

La donazione è stata annunciata nel corso di una manifestazione che si è tenuta a Palazzo Dogana, sede della Provincia di Foggia, cui hanno preso parte il presidente di Casa Sollievo, monsignor Domenico D’Ambrosio, e i dottori Massimo Bufacchi e Luigi Pacilli, rispettivamente Direttore Generale e Direttore Sanitario dello stesso Istituto.

L’incontro, patrocinato dall’Associazione Italiana Ricerche sulla Sordità, dalla Provincia di Foggia, dall’Ordine dei Medici Chirurghi Provinciale, dalla F.I.A.D.D.A., dall’A.M.D.I., da Eurosordi, dal Rotary Club di San Giovanni Rotondo, è stato l’occasione per l’assegnazione di una sede provinciale ai piccoli audiolesi e per una tavola rotonda, cui hanno partecipato i Direttori delle Strutture Complesse di Pediatria e Neonatologia della provincia (il dottor Giuseppe Rinaldi di Foggia, il dottor Raffaele Cera di San Severo, il dottor Alberto Gatta di S.Giovanni Rotondo, il dottor Pasquale Fischetti di Manfredonia, il dottor Antonio Longo di Cerignola, il dottor Erminio Lamarca di Lucera e il dottor Nazario Narciso di Foggia), finalizzata a coinvolgere le unità operative pediatriche del territorio in un unico progetto.

Le tre letture magistrali sui temi inerenti la sordità infantile sono state tenute rispettivamente dal Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Ricerche sulla Sordità, professor Giancarlo Cianfrone, docente dell’Università La Sapienza di Roma, dal dottor Lucio Vigliaroli e dalla dottoressa Maria Cerullo, dirigente medico del Servizio di Audiologia dell’Ospedale di San Giovanni Rotondo.

Presso la Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria della Casa Sollievo della Sofferenza, diretta dal dottor Lucio Vigliaroli, e’ possibile diagnosticare e curare tutti i tipi di sordità ed i disturbi correlati, quali vertigini ed acufeni.
In particolare, nell’ultimo quinquennio e’ stata sviluppata con ottimi risultati la cura delle sordità profonde del bambino e dell’adulto sia con i nuovi mezzi protesici digitali che con l’applicazione chirurgica dell’orecchio bionico, l’impianto cocleare.

Inoltre sono nate una serie di iniziative volte alla tutela dei piccoli pazienti, consistenti in un lavoro di screening di tutti i neonati ai fini di verificarne l’udito già dal primo giorno di vita e nel seguire quelli potenzialmente a rischio di sviluppare uno stato di sordità e relativo sordomutismo.
In questo momento c’e’ l’impegno da parte del team otorinolaringoiatrico a diffondere la stessa politica preventiva sui centri ospedalieri della provincia di Capitanata e del Centro Sud Italia.

L’attività di assistenza sociale ha portato a creare una sezione provinciale della FIADDA (Famiglie Italiane Associate per i diritti degli Audiolesi), una Onlus che ha lo scopo di assistere socialmente e culturalmente i piccoli pazienti e le loro famiglie, nonché di organizzare a livello nazionale e con cadenza annuale attività ludico rieducative gli audiolesi.
Tutto questo lavoro è spesso coadiuvato da altre organizzazioni sociali ed umanitarie, come il Rotary Club, l’Associazione Donne Medico e l’Associazione Italiana Mogli dei Medici, o da singoli offerenti.

Da segnalare l’iniziativa di tre benefattori, che si sono resi disponibili a far completare il progetto di diagnosi e cura della sordità infantile, sponsorizzando alcuni acquisti necessari per la crescita del Servizio di Audiologia della Casa Sollievo della Sofferenza. In particolare, si tratta di nuove apparecchiature che permetteranno di studiare la sordità infantile a tutte le età in un modo più moderno e sicuro, presupposto per poterlo rimettere in carreggiata come bambino normale già nel primo anno di vita.

La donazione è stata annunciata nel corso di una manifestazione che si è tenuta a Palazzo Dogana, sede della Provincia di Foggia, cui hanno preso parte il presidente di Casa Sollievo, monsignor Domenico D’Ambrosio, e i dottori Massimo Bufacchi e Luigi Pacilli, rispettivamente Direttore Generale e Direttore Sanitario dello stesso Istituto.

L’incontro, patrocinato dall’Associazione Italiana Ricerche sulla Sordità, dalla Provincia di Foggia, dall’Ordine dei Medici Chirurghi Provinciale, dalla F.I.A.D.D.A., dall’A.M.D.I., da Eurosordi, dal Rotary Club di San Giovanni Rotondo, è stato l’occasione per l’assegnazione di una sede provinciale ai piccoli audiolesi e per una tavola rotonda, cui hanno partecipato i Direttori delle Strutture Complesse di Pediatria e Neonatologia della provincia (il dottor Giuseppe Rinaldi di Foggia, il dottor Raffaele Cera di San Severo, il dottor Alberto Gatta di S.Giovanni Rotondo, il dottor Pasquale Fischetti di Manfredonia, il dottor Antonio Longo di Cerignola, il dottor Erminio Lamarca di Lucera e il dottor Nazario Narciso di Foggia), finalizzata a coinvolgere le unità operative pediatriche del territorio in un unico progetto.

Le tre letture magistrali sui temi inerenti la sordità infantile sono state tenute rispettivamente dal Presidente Nazionale dell’Associazione Italiana Ricerche sulla Sordità, professor Giancarlo Cianfrone, docente dell’Università La Sapienza di Roma, dal dottor Lucio Vigliaroli e dalla dottoressa Maria Cerullo, dirigente medico del Servizio di Audiologia dell’Ospedale di San Giovanni Rotondo.

nuovo-css