«Dislessia: Quando leggere è difficile...»

Mercoledì, 18 Aprile 2007 13:47

«Dislessia: Quando leggere è difficile...» è il tema del convegno che si terrà il prossimo 18 aprile alle ore 17 presso il cineteatro Palladino di San Giovanni Rotondo. L’appuntamento, organizzato dal Comune di San Giovanni Rotondo in collaborazione con l’A.I.D., Associazione Italiana Dislessia, e patrocinato dall’I.R.C.C.S. Casa Sollievo della Sofferenza, è rivolto alle scuole, alle famiglie, agli operatori socio-sanitari e si pone l’obiettivo di far conoscere il problema «dislessia» e gli strumenti necessari per affrontarlo. Un incontro di particolare importanza sanitaria e sociale se si considera che il fenomeno della dislessia evolutiva riguarda ed interessa circa il quattro per cento dei bambini, metà dei quali sono vittime dell’abbandono scolastico se la malattia non viene tempestivamente ed opportunamente riconosciuta dalle famiglie, dagli insegnanti e soprattutto dagli operatori sanitari.

Dopo la presentazione del sindaco dott. Salvatore Mangiacotti ed i saluti dell’assessore alla Pubblica Istruzione prof. Michele Crisetti e del Direttore Sanitario della Casa Sollievo della Sofferenza, dott. Luigi Pacilli, i relatori esporranno i diversi aspetti e problematiche che la dislessia comporta, da quelli psicologici a quelli familiari e sociali, dai metodi per riconoscerla agli strumenti previsti dalle normative vigenti in ordine a come affrontarla in ambito scolastico.

Il dott. Giacomo Stella, docente di psicologia clinica, fondatore dell’associazione italiana dislessia spiegherà «Che cos’è la Dislessia»; la dott.ssa Lucia Russi, neuropsichiatra infantile, tratterà de «L’autostima nel bambino dislessico» mentre la dott.ssa Anna Maria Antonucci, psicologa responsabile provinciale A.I.D., relazionerà sull’attività dell’associazione in provincia di Foggia.
L’esperta in neuropsicomotricità dott.ssa Milena Centra parlerà degli strumenti «compensativi e dispensativi»; il dirigente scolastico prof. Biase Barbano illustrerà i dati relativi alla dislessia nel contesto scolastico locale mentre il vicario scolastico prof. Lucio Pacilli tratterà delle strategie di prevenzione della dislessia. Si concluderà, prima del dibattito aperto al pubblico, con la testimonianza della sig.ra Maddalena De Padova, mamma di un ragazzo dislessico, improntata sul «coinvolgimento familiare».

«Dislessia: Quando leggere è difficile...» è il tema del convegno che si terrà il prossimo 18 aprile alle ore 17 presso il cineteatro Palladino di San Giovanni Rotondo. L’appuntamento, organizzato dal Comune di San Giovanni Rotondo in collaborazione con l’A.I.D., Associazione Italiana Dislessia, e patrocinato dall’I.R.C.C.S. Casa Sollievo della Sofferenza, è rivolto alle scuole, alle famiglie, agli operatori socio-sanitari e si pone l’obiettivo di far conoscere il problema «dislessia» e gli strumenti necessari per affrontarlo. Un incontro di particolare importanza sanitaria e sociale se si considera che il fenomeno della dislessia evolutiva riguarda ed interessa circa il quattro per cento dei bambini, metà dei quali sono vittime dell’abbandono scolastico se la malattia non viene tempestivamente ed opportunamente riconosciuta dalle famiglie, dagli insegnanti e soprattutto dagli operatori sanitari.

Dopo la presentazione del sindaco dott. Salvatore Mangiacotti ed i saluti dell’assessore alla Pubblica Istruzione prof. Michele Crisetti e del Direttore Sanitario della Casa Sollievo della Sofferenza, dott. Luigi Pacilli, i relatori esporranno i diversi aspetti e problematiche che la dislessia comporta, da quelli psicologici a quelli familiari e sociali, dai metodi per riconoscerla agli strumenti previsti dalle normative vigenti in ordine a come affrontarla in ambito scolastico.

Il dott. Giacomo Stella, docente di psicologia clinica, fondatore dell’associazione italiana dislessia spiegherà «Che cos’è la Dislessia»; la dott.ssa Lucia Russi, neuropsichiatra infantile, tratterà de «L’autostima nel bambino dislessico» mentre la dott.ssa Anna Maria Antonucci, psicologa responsabile provinciale A.I.D., relazionerà sull’attività dell’associazione in provincia di Foggia.
L’esperta in neuropsicomotricità dott.ssa Milena Centra parlerà degli strumenti «compensativi e dispensativi»; il dirigente scolastico prof. Biase Barbano illustrerà i dati relativi alla dislessia nel contesto scolastico locale mentre il vicario scolastico prof. Lucio Pacilli tratterà delle strategie di prevenzione della dislessia. Si concluderà, prima del dibattito aperto al pubblico, con la testimonianza della sig.ra Maddalena De Padova, mamma di un ragazzo dislessico, improntata sul «coinvolgimento familiare».

nuovo-css